Bio

Passi di un progetto artistico

Per tanti solo un cantastorie. Brutta copia di un imitatore…

Sono partito da lontano, geograficamente e artisticamente. Ho ascoltato Elvis nella pancia di mia madre, e poi, con gli zii sessantottini, nell’affascinante casa di Castello a Cagliari, tanti cantautori: italiani, francesi, le nuove vibrazioni d’Inghilterra e d’oltreoceano… un universo di suoni maliardi, irresistibili. Così, come molti, ho iniziato a comporre le prime canzoni. Poi è arrivata l’audizione presso la RCA di Roma, le recensioni su Ciao 2001, il Folkstudio Giovani, i primi demo autoprodotti, Festival e concorsi. Intanto l’inossidabile amore bennatiano si concretizzava in un progetto-tributo che nel 2005 ha visto il riconoscimento ufficiale da parte dell’artista e della sua casa di Edizioni Musicali, e poi via, in innumerevoli performance live ed in studio, per le occasioni più diverse: la più prestigiosa, certamente, la puntata de La Storia siamo noi (RaiEdu) dedicata al magico periodo della musica napoletana tra gli anni ‘70 e ’80. E mentre tutto questo accadeva, capitava anche che per tre edizioni (2010, 2011, 2013) e con tre canzoni (OrcoGentile, Apri le tue mani, Canzone dell’assenza) vincessi il Premio della Critica (giuria presieduta da Davide Rondoni) nell’ambito di Cantiamo la Vita, concorso promosso dal Movimento per la Vita italiano. I bambini sono una mia grandissima fonte d’ispirazione, e a loro, in particolare quelli che stanno lottando per la vita, dedico il tempo artistico che posso, suonando per raccogliere fondi a favore dell’Associazione Peter Pan Onlus. L’8 giugno 2013 si realizza un sogno inseguito fin da bambino: con Libera musica in libere teste apro il live di Edoardo Bennato all’interno della IX edizione del Festival Biblico a Vicenza, nello splendido scenario di Piazza dei Signori. Nell’agosto 2014 partecipo a Suoni Di Marca, prestigiosa rassegna musicale veneta che si svolge a Treviso. Settembre mi vede fra i finalisti del contest capitolino Menestrello d’Oro. A giugno 2015 sono tra i venti finalisti di Vicenz@Net Music. Nel maggio 2016 alcune mie composizioni vengono scelte per la colonna sonora di Con il Cuore, Oltre il Buio. Documentario sugli ipovedenti realizzato da Vittorio Vespucci per l’Unione Italiana Ciechi, sezione di Vicenza. In agosto pubblico nei principali store digitali il singolo Carnàla, brano dedicato ai piccoli minatori siciliani nelle zolfare di inizio ‘900. La canzone viene presentata il 12 agosto nell’ambito di un live realizzato a Cianciana (AG). Da dicembre 2016 a febbraio 2017 frequento il CET (Centro Europeo Toscolano) la scuola di Mogol, diplomandomi come autore di testi per la musica pop. Il 29 marzo 2017 la pubblicazione del 1°, vero, sudatissimo, ambizioso lavoro: Sulla Bocca Di Tutti.
SBDT_ISTITUZIONALE_2017